Progetti nazionali

In corso

Quanto costa il silenzio?

 
Prima Indagine Nazionale sui costi economici e sociali della violenza contro le donne in Italia

 

Ogni 3 giorni, in Italia, una donna viene uccisa dal partner, dall’ex o da un familiare e nella quasi totalità dei casi le violenze non sono denunciate.

 

Per calcolare i danni che il nostro Paese paga alla violenza, Intervita - con il patrocinio del Dipartimento per le Pari Opportunità - ha realizzato questa indagine, con l’obiettivo di offrire uno stimolo per intervenire concretamente nel prevenire e contrastare ogni abuso sulle donne.

 

La ricerca è stata curata, con il coordinamento di Intervita, da Giovanna Vingelli e Franca Garreffa del Centro di Women's Studies "Milly Villa" e da Giovanna Badalassi

 

Scarica la versione completa di Quanto costa il silenzio?

 

"In rete - Percorsi di formazione e progettazione sulle migrazioni"

 

Progetto FEI – Fondo Europeo per l’Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi, Annualità 2011 (Ministero dell’Interno. Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione).  (Capofila: Comune di Lamezia Terme).



La violenza nelle relazioni di prossimità: generazioni, generi e politiche di intervento

 

Tipologia del progetto: MIUR - PRIN 2008

 

Il progetto è coordinato dalla LUMSA (prof.ssa Consuello Corradi),  in partenariato con l'Università della Calabria, l'Università di Milano Bicocca, l'Università di Palermo e l'Università di Pavia. Il titolo della ricerca dell'Unità dell'Università della Calabria è: "Violenza, relazioni di genere e intimità nel comprensorio cosentino" (coordinatrice locale: prof.a Giovanna Vingelli). Collaborano: Donatella Barazzetti, Franca Garreffa,  Sabrina Garofalo



 

La valutazione del rischio in un'ottica di genere: analisi dei risultati e delle buone prassi a livello internazionale

 

INAIL (ex ISPESL)

2011- in corso


Il progetto è coordinato dalla Prof.ssa Manuela Stranges. L'obiettivo, mediante un'indagine sul campo svolta presso alcune aziende calabresi è quello di capire se esistono delle differenze di genere in termini di rischio lavorativo (rischio fisico vero e proprio, ma anche rischio psicologico legato a discriminazioni, mancata conciliazione, mobbing). Collabora alla ricerca la Prof.ssa Giovanna Vingelli. 



Gender mainstreaming e democrazia paritaria. Definizioni operative, valutazione degli interventi e buone pratiche sul territorio nazionale

 

Dipartimento per le Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2011 – in corso

 

Oggetto della ricerca è la costruzione di una definizione operativa, nel contesto italiano ed auropeo, di Gender Mainstreaming e democrazia paritaria attraverso:

-L’analisi dei principali frame discorsivi e politici;

-L’analisi della normativa e delle policies di genere;

-Raccolta e documentazione bibliografica



2010

01 gennaio 2009 - 31 dicembre 2010
Titolo del progetto:Donne Anti Violenza (DAV)
Dipartimento per le Pari Opportunità

 

Il Centro è partner del progetto, in collaborazione con il Centro contro la violenza alle donne "Roberta Lanzino", lo Sportello Pari Opportunità (Unical), l'Associazione Baobab, l'Azienda Sanitaria di Cosenza, il Comune di Cosenza. Il progetto mira a favorire il potenziamento e lo stabilizzarsi della Rete Locale Antiviolenza, avviata sul territorio intercomunale per rimuovere ostacoli culturali, promuovere politiche di contrasto alla violenza attraverso l'adozione di strumenti di prevenzione e di intervento coordinati e condivisi. Gli stessi Partner del progetto sono anche membri della Rete. Il progetto prevede il potenziamento della formazione degli attori che operano nella Rete; la sensibilizzazione di dirigenti scolastici, docenti ed Enti Locali tramite seminari sulla violenza di genere organizzati dai Partner; l'implementazione dei processi di standardizzazione della comunicazione e dell'informazione tra i membri della Rete, finalizzata alla nascita di un Osservatorio Regionale sulla violenza; una maggiore conoscenza dei fenomeni della violenza tra le nuove generazioni di donne e l'ampliamento delle attività di Rete in questo settore con l'istituzione di uno Sportello antimolestie presso il campus universitario, la verifica della coerenza tra percorsi formativi e (nuove o diverse) esigenze delle donne vittime di violenza, mediante una indagine qualitativa mirata.

 

per info: http://www.unical.it/portale/ateneo/progetti/dav/



2009

01 gennaio 2008 - 31 dicembre 2009
Titolo del progetto: Alba Chiara
Dipartimento per i diritti e le pari opportunità
Tipologia del progetto: Progetti assistenza e integrazione sociale
Obiettivo del piano di lavoro è quello di favorire l'emersione e l'inserimento, nel tessuto sociale e culturale della regione, di soggetti extracomunitari vittime di sfruttamento e di violenza. Le attività previste riguardano l'attivazione di unità da strada nella Sibaritide; l'attivazione di una antenna dell'unità da strada presso il Centro di Accoglienza S. Anna di Crotone; la realizzazione di un centro di prima accoglienza nel Comune di Rossano; attività di formazione, di orientamento e accompagnamento a cura del Centro interdipartimentale Women's Studies dell' Università della Calabria; azioni di networking. L'ambito territoriale del progetto è regionale, ma vede particolare realizzazione nelle province di Catanzaro, Cosenza (nello specifico nell'area della Sibaritide) e Crotone ed ha come beneficiarie donne straniere vittime o a rischio di tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Attività previste: attivazione di una Unità di strada nella Sibaritide per assistenza immediata alle vittime e per informazione/sensibilizzazione sui rischi connessi alla vita di strada; attivazione di una "antenna" dell'unità di strada presso il Centro di accoglienza S. Anna con funzioni informative e di assistenza sulla normativa e le procedure relative al rilascio del permesso di soggiorno; realizzazione di un Centro di prima accoglienza a Rossano; attività di formazione per operatori del settore e rappresentanti delle istituzioni; orientamento e accompagnamento all'inserimento lavorativo per le vittime di tratta (sono previste delle apposite borse lavoro); azioni di comunicazione sul territorio finalizzate ad informare sui temi della tratta delle donne e dello sfruttamento sessuale.



2008

01 gennaio 2007 - 31 dicembre 2008
Titolo del progetto:Costruzione di una mappa ragionata dei luoghi geografici-territoriali a maggior presenza di donne trafficate a scopo di grave sfruttamento nelle regioni Sicilia e Calabria e seminari informativi agli operatori di territorio
Dipartimento per i diritti e le pari opportunità
Il Centro è il responsabile scientifico del progetto, in collaborazione con il Centro studi ECOSMED ed il Consorzio NOVA.



01 gennaio 2007 - 31 dicembre 2008
Titolo del progetto:Gender Mainstreaming
Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica (Progetto Oracolo 2)
Obiettivo generale dell'iniziativa è la costruzione di un intervento capace di ridurre la dispersione e i ritardi nel percorso formativo degli/delle studenti/esse tenendo conto delle implicazioni di genere in questi processi. La prima fase riguarda l'analisi dell'influenza delle appartenenze di genere nei percorsi universitari la seconda fase invece, punterà a formare quanti contribuiscono alla definizione delle problematiche di orientamento e di valutazione dei percorsi formativi.© Rapporto finale: G. Vingelli (con S. Fiorelli e T. Romita) "Studentesse e studenti nell'Università della Calabria: una università al femminile?", Progetto ORACOLO, Università della Calabria, 2008



Per iscriversi alla newsletter del Centro      

Partecipa anche tu! Diventa membro!

clicca qui

Siamo su Facebook!

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Centro di Women's Studies Milly Villa Via Bucci sn 87036 Rende Partita IVA: